Ordine degli Avvocati di Treviso

HomeContattiConsiglio dell' OrdineAlboPCTPECFormazioneArea Riservata SferaMedia - ConciliazioneCerca
Tariffe e parcelle
Opinamento parcelle

Come noto l'art. 13, comma 9°, della legge n. 247/2012 ha confermato il potere del  Consiglio dell'Ordine di opinare le parcelle, con ciò fugando i dubbi sorti a seguito del emanazione del DL 24.01.2012 n. 1. 

Con delibera del 18.01.2016, il COA ha aggiornato le istruzioni per la presentazione delle istanze di opinamento delle parcelleche sono applicabili sia con riferimento a domande di opinamento in base alle abrogate tariffe ministeriali (ancora applicabili agli incarichi esauriti prima del 23.08.2012), sia a quelle formulate sulla base dei parametri ministeriali del 2012 e 2014.

Si raccomanda la scrupolosa osservanza delle istruzioni, indispensabile per il corretto svolgimento del procedimento di opinamento, ricordando a tutti che il personale di segreteria del COA è tenuto a non ricevere le istanze non conformi alle istruzioni.

Si ricorda altresì che il COA ha deliberato di adeguarsi alla sentenza del T.A.R. Veneto Sez. I, 13.02.2014 n. 183 in base alla quale il soggetto debitore per il pagamento della parcella assume la qualifica di controinteressato ai sensi dell’art. 7 della Legge 07.08.1990, n. 241e deve pertanto essere notizato dell'apertura del procedimento e della facoltà di presentare osservazioni scritte. Si veda sul punto la Circolare n. 13/2014

Da ultimo si riporta il contenuto dell’art. 13, comma 9, della legge 31.12.2012 n.247, che prevede la possibilità di richiedere al COA di esperire un tentativo di conciliazione in caso di controversie tra avvocato e cliente in ordine al pagamento delle competenze di quest’ultimo:

“In mancanza di accordo tra avvocato e cliente, ciascuno di essi può rivolgersi al consiglio dell'ordine affinché esperisca un tentativo di conciliazione. In mancanza di accordo il consiglio, su richiesta dell'iscritto, può rilasciare un parere sulla congruità della pretesa dell'avvocato in relazione all'opera prestata”.

Sul punto si veda anche la Circolare n. 16/2015 del COA, in merito alla efficacia esecutiva dei verbali di conciliazione con esito positivo.


 
Parametri ex DM 10.03.2014 n. 55 (in vigore dal 03.04.2014)

DM 10.03.2014 n. 55


 
Parametri ex DM 20.07.2012 n. 140

DM 20.07.2012 n. 140

Commento a cura dell'Unione Triveneta degli Ordini

Fac simile accordo con il cliente

Fac simile preventivo di massima

Fac simile del contratto col domiciliatario



 
Tariffe DM 08.04.2004 n. 127

Vademecum per l’applicazione della tariffa professionale  (DM  08.04.2004 n. 127)

Il vademecum rispecchia la prassi interpretativa che il Consiglio dell’Ordine di Treviso ha sviluppato in conformità con la migliore giurisprudenza della Corte di Cassazione. 

Particolare attenzione è stata riservata a temi delicati (e perciò non sempre ben chiari) quali i poteri di sindacato spettanti al Consiglio in sede di opinamento, la gradazione degli onorari tra il minimo e il massimo, la determinazione del valore della pratica.

Si richiama l’attenzione sull’importanza sia della relazione illustrativa, dove esporre succintamente i criteri di individuazione della difficoltà della posizione, sia della puntuale indicazione (in parcella) del valore della pratica, della data e del numero della voce di tariffario di ogni singola prestazione, e l'esposizione  dei minimi e dei massimi degli onorari.