Ordine degli Avvocati di Treviso

HomeContattiConsiglio dell' OrdineAlboPCTPECFormazioneArea Riservata SferaMedia - ConciliazioneCerca
Amministrazione Trasparente


Informazioni Generali

CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI  AVVOCATI
PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO
SEDUTA DEL  16/11/2015  ORE  15.00

Sono presenti: Avv. Antonio Guarnieri - Cons. Segretario -, Avv. Paolo Barolo - Cons. Tesoriere -, Avv. Francesco Aliprandi, Avv. Silvia Biscaro, Avv. Mauro Bosco, Avv. Massimo Colucci, Avv. Moreno Del Col, Avv. Andrea Gritti, Avv. Cristina Piccoli, Avv. Francesco Tartini, Avv. Cristina Trotta, Avv. Massimo Colucci.

Assenti giustificati: Avv. Lucia Cescato, Avv. Mariacristina Sacchini, Avv. Paolo Maran, Avv. Massimo Sonego.

OMISSIS

8.AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE: RELAZIONE DEL SEGRETARIO E DELIBERE CONSEGUENTI

Il Consigliere Segretario, anche nella sua funzione Responsabile della prevenzione della corruzione (RPC), e di intesa col Consigliere Tesoriere, illustra al COA  lo stato di attuazione del decreto legislativo 14.03.2013, n. 33 in materia di trasparenza dell'attività amministrativa.

Il COA

- udita la relazione del Consigliere Segretario;
- vista la delibera 21.10.2014 n. 145 con la quale l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha ritenuto applicabili le disposizioni di prevenzione della corruzione di cui alla legge 06.11.2012 n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione) e decreti delegati agli Ordini e Collegi professionali;
- visto il parere pro – veritate reso dal Prof. Avv. Alberto Capotosti al CUP in ordine all’applicabilità agli ordini e collegi professionali della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del d. l.vo 14 marzo 2013, n. 33;
- ritenuto di doversi adeguare al parere dell’ANAC, pur non condividendone i presupposti di fatto e di diritto;
- visto il dossier 17.09.2015 del CNF in merito all’applicazione agli Ordini territoriali della legge 06.11.2012 n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione) e del Decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 (Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni);
- preso atto che le due normative sono tra loro strettamente interconnesse, sicché appare opportuno che la funzione di Responsabile della prevenzione della corruzione di Responsabile per la Trasparenza siano riunite nello stesso soggetto istituzionale;
- preso atto che la normativa citata, nel suo articolato (concepito sostanzialmente con riferimento agli enti pubblici territoriali), contiene disposizioni materialmente inapplicabili al COA, dati anche struttura organizzativa, organico e finanziamento integralmente a carico degli iscritti, senza onere alcuno per la finanza pubblica;
- preso quindi atto del fatto l’applicazione delle norme necessita la loro interpretazione analogica, che rispetti contemporaneamente la ratio legis  e la concreta realtà ordinistica;
tutto ciò premesso il COA

delibera

- di conferire al Consigliere Segretario congiuntamente l’incarico di Responsabile della prevenzione della corruzione e di Responsabile per la Trasparenza;
- a modifica del piano triennale per l’anticorruzione e per la trasparenza, di riconoscere al Consigliere Segretario la più ampia autonomia nello svolgimento delle predette funzioni, in particolare mediante la selezione delle informazioni da pubblicare e la loro pubblicazione sul sito istituzionale dell’Ordine, nella macro area “Amministrazione Trasparente”.

Dichiara immediatamente esecutiva la delibera.

OMISSIS

 IL CONSIGLIERE SEGRETARIO                                          IL PRESIDENTE F.F.
     F.to  Avv. Antonio Guarnieri                                             F.to  Avv. Moreno Del Col
ESTRATTO DI VERBALE CONFORME ALL’ORIGINALE
Treviso, li 18.09.2015
                                                                                              IL CONSIGLIERE SEGRETARIO
                                                                                                          Avv. Antonio Guarnieri 

Dossier CNF 08.04.2015